Fibra Ottica innovazione Interplanet News Tecnologia & Impresa

Innovazione, dalla Regione Veneto un nuovo bando per dare “fibra” alle imprese

Finanziati gli investimenti “monstre”, da 30mila euro al milione. Ammesse tutte le imprese e i professionisti. Subito un contributo fino al 50%, poi finanziamento super agevolato.

Innovazione, dalla Regione Veneto un nuovo bando per dare "fibra" alle imprese.

Innovazione d’impresa, arriva il bando della Regione Veneto che finanzia gli interventi “monstre”. Sì perché stavolta l’obiettivo è sostenere chi ci va giù pesante, rivoluzionando il proprio approccio al lavoro attraverso interventi globali di innovazione di processo, innovazione della propria organizzazione o trasformazione digitale. Tutto questo integrando al proprio sistema produttivo le migliori tecnologie abilitanti sul mercato, naturalmente sostenute da una buona connessione in fibra ottica.

Per fare ciò la Regione andrà a riconoscere un contributo dal 20 al 50% delle spese, poi un finanziamento a tasso super agevolato sulla parte restante.

Mettetevi comodi, perché ci sono diverse cosette da spiegare per riassumere al meglio un bando di 41 pagine. E noi cercheremo di darvi tutti gli elementi più importanti per fare al meglio le vostre valutazioni.

Dalla Regione un Bando per tutti…

Cominciamo con una buona notizia: questo bando è per tutti. Nel senso che sono ammesse le imprese di qualsiasi dimensione, così come le associazioni professionali, le società tra professionisti e perfino i liberi professionisti. I soli requisiti prioritari sono la collocazione in Veneto e, nel caso delle imprese, che svolgano attività di manifattura (da codice ATECO “10” fino a codice ATECO “33.20.09”).

… ma non per tutti

Un limite infatti c’è, ed è di natura economica. Nel senso che è prevista una quota d’investimento minimo, per poter entrare nella partita. E giudicando le cifre di cui parliamo, capite bene perché lo abbiamo definito un bando “monstre”. Queste le tre soglie di accesso:

  • Spesa minima: 30.000 euro – Spesa massima: 70.000 euro

Per liberi professionisti, associazioni professionali e società tra professionisti

  • Spesa minima: 100.000 euro – Spesa massima: 500.000 euro

Per micro, piccole e medie imprese

  • Spesa minima: 500.000 euro – Spesa massima: 1 milione di euro

Per grandi imprese

Quindi lasciate perdere se avete in mente una serie di acquisti “a spot”. Piuttosto, pensateci se state valutando, come anticipato all’inizio dell’articolo, una riorganizzazione complessiva di TUTTI i vostri processi aziendali. Per arrivare ad adottare le soluzioni più tecnologiche e innovative in ogni ambito del vostro lavoro, dal magazzino all’amministrazione, dai macchinari ai sistemi di utilizzo dei dati.

Perché in questo caso gli investimenti diventano presto “importanti”; e allora un bando di questo tipo può fare davvero comodo, dandovi subito tutti i vantaggi dell’adozione di nuove tecnologie ma alla fine incidendo poco sui vostri costi.

Cosa finanzia il nuovo bando innovazione Regione Veneto

Fatta questa premessa doverosa, vediamo cosa effettivamente è finanziabile attraverso il nuovo bando innovazione della Regione Veneto.

Imprese

Sono incentivabili le spese di consulenza, di acquisto brevetti e licenze esterne, e di acquisto di beni strumentali, materiali o immateriali inseriti nel piano Industria 4.0, tra cui:

  • robotica e manifattura avanzata
  • manifattura additiva e stampa 3D
  • internet of things
  • sistemi cloud
  • cybersecurity
  • big data e analytics

Inoltre si considera incentivabile l’intervento di revamping e ammodernamento di sistemi di produzione esistenti, se l’intervento prevede l’acquisto e l’installazione di dispositivi, strumentazione e componentistica intelligente per l’integrazione, la sensorizzazione ol’interconnessione e il controllo automatico dei processi.

Liberi professionisti, associazioni, studi e società di professionisti

Qui valgono tutte le spese di trasformazione digitale, volte ad aumentare il livello di efficienza e flessibilità dell’attività lavorativa. E così oltre a beni strumentali come computer e postazioni per il telelavoro, si possono inserire anche brevetti e software. Ma anche gli interventi per sviluppare una nuova architettura telematica, basata naturalmente sulla connessione in fibra ottica.

SCOPRI I NOSTRI SERVIZI PER PROFESSIONISTI E IMPRESE

Quanto è possibile ottenere

Una volta raggiunta la soglia minima per avere diritto all’intervento, il contributo del bando innovazione è strutturato in questo modo:

Professionisti, piccole e medie imprese imprese

  • 50% della somma viene erogata come contributo a fondo perduto
  • 25% finanziamento a tasso zero (con intervento di Veneto Sviluppo, la finanziaria della Regione Veneto)
  • 25% finanziamento a tasso agevolato con (intervento di un finanziatore convenzionato del sistema bancario)

Grandi imprese

  • 20% della somma viene erogata come contributo a fondo perduto
  • 40% finanziamento a tasso zero (con intervento di Veneto Sviluppo, la finanziaria della Regione Veneto)
  • 40% finanziamento a tasso agevolato con (intervento di un finanziatore convenzionato del sistema bancario)

Il finanziamento avrà durata massima di rimborso di 7 anni con rate semestrali.

Come fare domanda

La domanda si presenta attraverso Veneto Sviluppo, soggetto gestore e responsabile dei procedimenti amministrativi.

L’apertura dei termini per la presentazione è la seguente:

Liberi professionisti, associazioni professionali, società

Dal 5 luglio (ore 10) al 12 luglio (ore 17)

Piccole, medie e grandi imprese

Dal 19 luglio (ore 10) al 26 luglio (ore 17)

Vai al link per l’invio della domanda

Lascia un commento