hackathon Interplanet News Sicurezza Tecnologia & Impresa

Copernicus Hackathon, la fibra Interplanet lancia a razzo i cervelloni della space economy


Il 15 e il 16 febbraio al Digital Hub di Confartigianato va in scena la maratona più spaziale che c’è. Si cercano soluzioni “stellari” per la galassia delle piccole imprese.

Dal progetto Copernicus, l’ispirazione per nuove opportunità di business rivolte alla galassia delle piccole e medie imprese. È questa la sfida rivolta ai partecipanti del prossimo Copernicus Hackathon, il progetto del Digital Innovation Hub di Confartigianato Vicenza che ormai è in rampa di lancio.

L’appuntamento è per il fine settimana del 15 e 16 febbraio prossimi, mentre le coordinate di “Houston” sono proprio quelle del Digital Hub dell’associazione, nella sede di Via Fermi a Vicenza.

Da lì partirà la sfida che vedrà impegnati per 36 ore consecutive i migliori “cervelloni” del territorio e non solo. La competizione infatti è aperta a studenti universitari e di ITS, sviluppatori, ingegneri, esperti o ricercatori, start up e imprese, che potranno organizzarsi in team per provare a vincere la sfida di rendere lo spazio accessibile alle piccole e medie imprese.

Lo scopo, come anticipato, è incrociare le informazioni di Copernicus con le potenzialità delle nuove tecnologie, per offrire idee innovative con cui sviluppare opportunità di business. Tutto questo nell’ottica della cosiddetta Space Economy, l’economia fondata sui big data “galattici” che arrivano ogni giorno sulla terra grazie a razzi, satelliti sonde e stazioni spaziali. E che possono fornire un unico grande “punto di vista” dall’alto per una migliore gestione delle informazioni in tema ambientale, atmosferico, climatico, energetico e infrastrutturale.

L’iniziativa dell’Hub digitale di Confartigianato è realizzata in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana e dell’Agenzia Spaziale Europea, e con la partecipazione dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Cos’è il progetto Copernicus

Copernicus è il più importante programma di Osservazione Terrestre (EO) attualmente in funzione. È promosso dall’Unione Europea ed è pensato per raccogliere dallo spazio, grazie alla rete di satelliti attualmente in orbita attorno al nostro pianeta, il maggior numero di informazioni per analizzare e monitorare la Terra a vantaggio della nostra società.

A razzo con la fibra Interplanet

Tutti i dati elaborati da Copernicus saranno messi a disposizione dei partecipanti alla nostra sfida, che potranno connettersi per tutte le 36 ore dell’evento alla maxi velocità della fibra Interplanet. Siamo infatti lo sponsor tecnico dell’evento, e per l’occasione abbiamo cablato il Digital Innovation Hub di Confartigianato con una connessione FTTH da 1 Giga. L’unica connessione che va davvero alla velocità della luce!

Copernicus Hackathon: 4 aree di lavoro

La competizione è articolata in 4 macro aree di lavoro: trasporto sostenibile, machine learning, cybersecurity e protezione ambientale. Ogni team di lavoro potrà scegliere l’area di appartenenza in cui muoversi per elaborare la propria proposta. Al termine la giuria premierà il progetto migliore, che si aggiudicherà 3000 euro in denaro e una formazione di un anno nel Copernicus Accelerator, il programma di coaching che aiuta a diffondere le potenzialità della space economy.

Il premio Interplanet

E non è finita qui, perchè quando si tratta di premi Interplanet è sempre in prima fila. Abbiamo scelto infatti di metterci del nostro per sostenere l’impegno e la passione per la tecnologia dei partecipanti. E così per l’area Cybersecurity – la più vicina al nostro quotidiano – assegneremo un ulteriore riconoscimento economico di 1.000 euro al miglior progetto!

Interplanet, fibra di un altro pianeta

Ancora una volta dunque Interplanet fa spazio a un futuro dove il digitale è protagonista, di un cambiamento sociale per un mondo migliore. Tutto questo a due anni dal Nasa Space Apps 2018, l’hackathon che ha visto entrare la nostra fibra negli archivi Nasa, dopo aver connesso alla massima velocità di banda la Basilica Palladiana di Vicenza.

Insomma ormai possiamo dirlo: le nostre connessioni sono ufficialmente di un altro pianeta.

Lascia un commento