Editoriale

“Le faremo sapere.”

Nell’ambito della nostra ricerca di personale “Cerchiamo un Cervello”, abbiamo avuto modo confrontarci con dei giovani candidati ad una posizione di addetto commerciale junior nel nostro organico. Ogni assunzione di personale è anche un’occasione per immergerci nel tessuto sociale che ci circonda; per immedesimarci in chi sta dall’altra parte della scrivania, nelle sue speranze, nelle sue paure e nel suo desiderio di fare bella figura. Ebbene di “bamboccioni” (o choosy, che dir si voglia) ne abbiamo incontrati ben pochi. La maggior parte dei candidati sono ragazze e ragazzi motivati, desiderosi di mettersi alla prova con una nuova occupazione. Due cose ci hanno colpito particolarmente durante i colloqui. La prima: il trattamento che i candidati hanno ricevuto dai loro precedenti datori di lavoro. Stipendi o straordinari non pagati, assunzioni irregolari e tendenza allo sfruttamento delle persone (piuttosto che alla loro valorizzazione) sono segnali che abbiamo riscontrato con una frequenza decisamente preoccupante. La seconda: ad una domanda “aperta” sugli affari pubblici in Italia, la risposta è pressoché unanime: “la politica in Italia fa schifo”. E’ sorprendente, ed insieme sconcertante, constatare come i nostri giovani siano così categorici nella più totale mancanza di fiducia nei confronti della classe politica. Ad un mese esatto dalle Elezioni, è un dato che dovrebbe farci riflettere tutti, a prescindere dalla nostra area politica di appartenenza. Tornando al colloquio di assunzione, dopo aver visionato decine di curricula e parlato con una dozzina di candidati, abbiamo preso una decisione, augurandoci di aver trovato il “Cervello” che stavamo cercando. Vi lascio condividendo con voi una riflessione: di questi tempi gestire un’azienda in Italia è faticoso, rischioso e talvolta poco gratificante. Tuttavia il poter dare un posto di lavoro ad un ragazzo del nostro territorio, con la prospettiva reale di una assunzione a tempo indeterminato, è un qualcosa che ti ripaga di tutti gli sforzi compiuti.

Lascia un commento